venerdì 10 marzo 2017

Manuela Padoan pubblica ‘Viola’, il suo inno contro la violenza sulle donne

DI REDAZIONE - S’intitola ‘Viola’ il nuovo singolo di Manuela Padoan, cantante musicoterapeuta ex finalista di Castrocaro che, in questo nuovo singolo, ha scelto di lanciare un messaggio di coraggio e speranze per tutte quelle donne che lottano, tutt’ora oggi’, difronte la violenza degli uomini. Il brano contenuto nel suo ep d’esordio intitolato “Mille fiori…mille colori” e arrangiato da Hedu Ebling, racconta con drammatica intensità una storia di violenza fisica. L’album d’esordio di Manuela è stato registrato tra marzo e maggio 2016, raccoglie 6 tracce che sono una prima presentazione dell’artista. In ogni traccia Manuela racconta di sé e del suo modo di vivere, divertendosi e provocando a cambiare il proprio punto di vista, per provare ad andare oltre e, chissà, magari vedere anche qualche sfumatura o colore in più affrontando temi forti, come la violenza e il rispetto alla diversità. In tenera età si avvicina alla musica: nell’estate del 2011 è stata finalista della 54esima edizione di Castrocaro Festival, andata in onda e in diretta su Rai Uno, con la cover di Mina “Vorrei che fosse amore”. Nel 2012 si è qualificata tra i dieci finalisti al ProVoice festival con il suo brano inedito “Mille fiori…mille colori”. Lavorando assieme ad alcuni musicisti professionisti e all’arrangiatore Edu Hebling, ha realizzaro il suo primo ep, in uscita il 7 Luglio 2016, e presentato nel Giardino della Biblioteca di Montecchio Maggiore (Vi) per la Rassegna Palco Libero in Città. Nelle sue canzoni sceglie di affrontare temi forti e importanti come il rispetto di sé e della diversità. Crede fortemente nelle potenzialità terapeutiche della musica, della voce e della scrittura autobiografica. Con il suo lavoro, sia di cantautrice che di musicoterapeuta, si impegna attivamente nella terapia, nell’educazione e nella cura dell’altro, dall’infanzia all’età adulta.

0 commenti:

Posta un commento

 
Design by Unicorn Sites | BARI | Copyright © 2012